PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

martedì 1 novembre 2011

ANTIRICICLAGGIO: DAL 13/8/2011 DIMINUISCE LA SOGLIA DI UTILIZZO DEL CONTANTE

Con la normativa indicata in oggetto è stato modificato il limite sull’utilizzo del denaro contante.
In particolare la norma ha previsto il divieto del trasferimento di denaro contante se l’importo dell’operazione è pari o superiore a euro =2.500,00= (precedentemente la soglia era pari a euro =5.000,00=).
Pertanto già dal 13/8/2011 (data del D.L. poi convertito in legge il 13/9/2011) non si potranno più effettuare pagamenti in contanti per importi pari o superiori a euro 2.500,00.
In particolare la norma ha stabilito che:
a) è vietato il trasferimento, anche frazionato, di denaro contante, di libretti di deposito bancari e postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, a meno che il trasferimento non avvenga per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A.;
b) l’importo di euro 2.500,00 è riferito alla somma complessiva dell’operazione: pertanto è vietato anche suddividere “artificiosamente” un unico importo di euro 2.500,00 o superiore in più pagamenti in contanti di importo singolarmente inferiore al limite previsto (c.d. operazioni frazionate), fatta salva la normale prassi della rateazione commerciale.
Si ritiene pertanto che, di norma, il pagamento di una fattura ad es. per euro 3.000,00 (Iva compresa) effettuato in tre rate (es. 10, 20, 30 giorni) potrà continuare ad essere effettuato in contanti, in quanto potrebbe essere una modalità di pagamento espressamente prevista nella fattura ed usuale nella prassi commerciale (in tal senso esiste il parere del Consiglio di Stato n. 1504/1995 Sezione III del 12 dicembre 1995).
Resta comunque impregiudicato il potere dell’autorità amministrativa di verificare nelle singole fattispecie la sussistenza, in concreto, dei presupposti per l’applicazione delle sanzioni, in presenza di meccanismi eventualmente predisposti in frode al dettato legislativo, per eludere i limiti ai trasferimenti di valore di cui si tratta.
Assolutamente da evitare saranno, di contro, i prelevamenti o finanziamenti ravvicinati in contanti, seppur sottosoglia, fra soci e società se le operazioni vanno, complessivamente, ad eguagliare o superare euro 2.500,00.
Uso frequente del contante come “elemento di sospetto” .

L’uso frequente di denaro contante secondo la normativa antiriciclaggio stabilisce altresì che esso è da considerare, da parte degli intermediari, un“elemento di sospetto” anche se non in violazione dei limiti di soglia di cui si è detto sopra.

In particolare costituisce elemento di sospetto il prelievo o il versamento in contanti con le banche di importo pari o superiore a Euro 15.000.

In sostanza, le movimentazioni di contante, anche sotto la soglia dei 2.500 Euro, frequenti e ingiustificate, specialmente se di importo che eccede i 14.999 Euro, saranno considerate dagli intermediari elementi per inviare una segnalazione di operazione sospetta. 

Relativamente a quest’ultimo aspetto il Ministero dell’Economia ha avuto modo di precisare che deve essere esclusa però ogni forma di oggettivizzazione della segnalazione di operazione sospetta.
La mera ricorrenza di utilizzo di denaro contante non è, quindi, motivo di per sé sufficiente per la segnalazione di operazioni sospette, per la quale rimane, invece, indispensabile una valutazione complessiva fondata su una serie di elementi sia di natura oggettiva che soggettiva.
Si ricorda inoltre, gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari, i vaglia postali e cambiari, inclusi i vaglia della Banca d'Italia, devono essere emessi con la clausola di non trasferibilità a partire da euro 2.500,00; gli assegni emessi con data antecedente il 13 agosto e negoziati nei giorni successivi sono da considerarsi tuttavia regolari, perché la loro cessione al beneficiario si intende perfezionata prima dell’entrata in vigore della normativa, che non riveste effetto retroattivo.
Infine, il decreto ha previsto che il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore non può essere pari o superiore a 2.500 euro; quelli esistenti alla data di entrata in vigore del decreto con saldo pari o superiore a 2.500 euro devono essere estinti dal portatore ovvero il loro saldo deve essere ridotto a una somma non eccedente il predetto importo entro il 30 settembre 2011.
Si raccomanda pertanto di utilizzare, per i pagamenti correnti aziendali, le modalità telematiche (Home-Banking) o gli assegni non trasferibili.
Fonte: Studio Stara

Nessun commento:

Posta un commento