PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

lunedì 7 novembre 2011

SOCIETÀ NON OPERATIVE: CIRCOLARE 25/IR IRDCEC

L’Istituto di ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha diramato la circolare n. 25/IR, che analizza in modo sistematico le modifiche apportate dal DL 138/2011 alla disciplina delle società non operative.
Oggetto della circolare sono, in particolare, le condizioni a seguito delle quali “scatta” la presunzione di non operatività per le società in perdita per tre periodi d’imposta consecutivi e le circostanze che possono consentire di evitare le conseguenze pregiudizievoli della normativa sulle società di comodo se le stesse società rientrano nella presunzione.
La circolare n. 25/IR evidenzia, preliminarmente, che la maggiorazione di 10,5 punti percentuali dell’aliquota IRES prevista per le società non operative dovrebbe applicarsi sia alle società i cui ricavi effettivi sono insufficienti rispetto a quelli minimi presunti (“vecchio presupposto”), sia alle società in perdita per tre periodi d’imposta consecutivi (“nuovo presupposto”). La maggiorazione opera sul reddito complessivo e, quindi, anche sulla eventuale parte di reddito imponibile che eccede quello minimo.
In merito alla presunzione di non operatività per le società che dichiarano perdite fiscali per tre periodi d’imposta consecutivi, l’IRDCEC ricorda come essa si applichi a decorrere dal quarto periodo d’imposta (ovvero, dal periodo d’imposta successivo al triennio caratterizzato dalle perdite “reiterate”); considerato che, per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, tale disciplina si applica per la prima volta nel 2012, la prima dichiarazione interessata dalla “stretta” è UNICO 2013, se il triennio 2009-2011 si è chiuso in perdita (ovvero, se due dichiarazioni ricomprese nel suddetto arco temporale hanno rilevato perdite fiscali e la terza un reddito minimo inferiore a quello determinato ai sensi dell’art. 30, comma 3 della L. 724/94); la circolare n. 25/IR rileva, al proposito, che dovrebbero essere escluse della disciplina (per il 2012, beninteso) le società costituite nel 2010 o nel 2011, in quanto non si è ancora completato il triennio da “monitorare”.
Cause di esclusione irrilevanti nel triennio da “monitorare”
Ad avviso dell’IRDCEC, nel computo del triennio non dovrebbe assumere rilevanza la presenza di cause di esclusione (che consentono, invece, di disapplicare la disciplina nel quarto periodo, quello in cui si manifesterebbero le conseguenze negative, ovvero l’imputazione di un reddito minimo e di una base imponibile minima, nonché le limitazioni alla compensazione o al rimborso del credito IVA). Ciò significa che, se nel triennio uno dei periodi d’imposta è caratterizzato da una causa di esclusione, ma la dichiarazione evidenzia comunque una perdita, nel quarto periodo la società dovrebbe comunque essere considerata di comodo; stante la delicatezza della materia, tuttavia, l’Istituto auspica chiarimenti da parte dell’Amministrazione finanziaria.
Vi sono, tuttavia, cause di esclusione la cui “gestione” è più complessa; ad esempio, per quella prevista per le società il cui numero dei dipendenti non è mai inferiore a dieci unità nel periodo di osservazione e nei due precedenti, si ritiene che – ai fini della verifica sul 2012 – il requisito debba sussistere sia nel 2012, sia nel biennio 2010 – 2011.
La circolare n. 25/IR evidenzia da ultimo che, pur in presenza dei presupposti di legge, le società che rientrano nella nuova presunzione di non operatività e che non possono beneficiare di nessuna causa di disapplicazione automatica possono comunque avanzare istanza di disapplicazione alla Direzione Regionale delle Entrate competente.
In questo caso, però, oggetto dell’istanza non è la spiegazione delle situazioni oggettive che non hanno permesso il raggiungimento dei ricavi minimi (irrilevanti, si ricorda, ai fini della nuova presunzione), bensì fattori quali l’economicità del comportamento imprenditoriale (che consiglia la continuazione dell’attività pur in presenza di perdite reiterate) e la presenza di situazioni particolari che possono avere determinato lo stato di perdita (ad esempio, quella delle società di costruzione che dichiarano perdite nel corso di costruzione degli immobili e utili solo all’atto della loro vendita).
L’IRDCEC sollecita, ad ogni modo, il Legislatore a prevedere nuove cause di disapplicazione automatica, specifiche per le società in perdita, al fine di limitare il numero presumibilmente elevato di interpelli che saranno presentati dalle società che ricadranno nella “stretta” operata dal DL 138/2011.
Fonte: Eutekne
CIRCOLARE 25/IR

Nessun commento:

Posta un commento