PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

lunedì 30 dicembre 2013

Per la compensazione dei crediti tributari visto di conformità esteso

Sopra i 15.000 euro serve il visto di conformità sulla dichiarazione che evidenzia il credito

Omessa presentazione dichiarazione iva e indetraibilità iva. Sentenza n. 16341 del 26 giugno 2013

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 16341 del 26 giugno 2013 intervenendo in materia di detrazione IVA ha affermato che in materia di Iva, il titolo necessario per riconoscere il diritto del contribuente alla detrazione è rappresentato dalla presentazione della dichiarazione annuale delle operazioni imponibili, entro il termine di trenta giorni previsto dal Dpr n. 633 del 1972, articolo 37, [applicabile ratione temporis, in seguito abrogato dall’articolo 9 del Dpr n. 322 del 1998 dal 22 settembre 1998], posto che, a mente di tale disposizione, la dichiarazione presentata con ritardo superiore a trenta giorni costituisce titolo per la riscossione dell’imposta ma deve considerarsi omessa a tutti gli altri effetti, e quindi anche al fine del riconoscimento del diritto alla detrazione (Cassazione 14505/2001 e anche Cassazione 11737/2011, 19204/2006 e 17158/2005).

Omessa presentazione dichiarazione iva e perdita della detrazione iva sugli acquisti. Sentenza n. 25477 depositata il 13 novembre 2013

La Corte di Cassazione, sezione tributaria, con la sentenza n. 25477 depositata il 13 novembre 2013 intervenendo in materia di diritto alla detrazione ha affermato che ai sensi del combinato disposto degli (applicabile alla fattispecie ratione temporis) articoli 28, 37 (il cui contenuto regola il termine di decadenza per la presentazione della dichiarazione annuale IVA) e 55 del D.P.R. 633/72 (che prevede l’applicazione dell’accertamento induttivo, in caso di mancata presentazione della dichiarazione annuale), la presentazione della dichiarazione IVA anche con un solo giorno di ritardo rispetto al termine di decadenza di trenta giorni previsto dall’articolo 37 del D.P.R. n. 633/72, comporta la perdita definitiva del diritto alla detrazione.

sabato 28 dicembre 2013

Legge di stabilita/2. Confermata l'imposta al 4%. Iva e coop sociali, per le attività sanitarie la chance esenzione

La legge di stabilità per il 2014 adotta una soluzione interlocutoria per il regime Iva delle prestazioni socio-sanitarie delle cooperative sociali, alle quali viene confermata – per le ipotesi a suo tempo previste – l'aliquota del 4%, concessa dal numero 41-bis della tabella A, parte II, Dpr 633/72 (legge Iva), «in vista della riforma dei regimi Iva speciali dell'Unione europea», in quanto era stato posto in evidenza che la concessione di questa aliquota era avvenuta dopo la data del 1° gennaio 1991, quando cioè non potevano essere inserite nuove voci con aliquota inferiore al 5 per cento.

Carico tributario e contributivo leggero per l'utilizzo promiscuo dei veicoli

Tempo di recessione anche per i benefit delle auto aziendali. Le tariffe Aci valide per la tassazione dei dipendenti nell'anno 2014, pubblicate lunedì scorso nella Gazzetta Ufficiale, evidenziano una generalizzata riduzione rispetto a quelle dello scorso anno.

Conferimenti ad aliquota maggiorata

La nuova aliquota "ordinaria" dell'imposta di registro (pari al 9%) si applica anche ai conferimenti di immobili non strumentali in società in sede di costituzione o di aumento del capitale sociale: queste operazioni sono contemplate infatti nell'articolo 4 della Tariffa parte prima allegata al Testo unico dell'imposta di registro (il Dpr 131/1986), il quale rimanda, per l'individuazione delle aliquote applicabili, all'articolo 1 della stessa Tariffa. A sua volta, questo articolo 1 indica appunto, dal 1° gennaio 2014, l'aliquota del 9 per cento.

Cessioni d'azienda, fisco light sugli immobili

Tassa fissa di 100 euro al posto dell'attuale prelievo del 3% sul valore dei beni trasferiti

martedì 24 dicembre 2013

Quadro RW: i chiarimenti delle Entrate

La L. n. 97/2013, c.d. Legge europea 2013, recante la disciplina del cosiddetto “monitoraggio fiscale”, ha dato avvio a una profonda revisione del quadro RW. 

Stabilità 2014: locazioni tracciabili dal 2014

Obbligo di effettuare il pagamento del canone con mezzi tracciabili per tutte le tipologie di contratti (fatta eccezione per gli alloggi residenziali pubblici).

Società di comodo: invio anticipato degli interpelli

Invio anticipato degli interpelli per la compensazione del credito Iva 2013 da parte delle società in perdita sistematica.

Quadro RW obbligatorio anche per 1 euro

Sparisce la soglia minima di 10.000 per la compilazione

lunedì 23 dicembre 2013

Regimi fiscali. Tra i controlli esportazioni, quote societarie e permanenza

Minimi, test di fine anno per pagare ancora il 5%

Stabilità: confermati i bonus edili per il 2014

La legge di stabilità proroga al tutto il 2014 la detrazione per ristrutturazione e risparmio energetico

Immobili rivalutati al test delle comodo: chiarimenti dall’Agenzia

Risoluzione n. 101/E del 20 dicembre 2013

Indennità suppletiva della clientela

Più nessun dubbio sulla deducibilità degli accantonamenti

giovedì 19 dicembre 2013

IVA: Prestazioni socio – sanitarie con aliquota IVA al 10% per le cooperative R.M. 93/E/2013

Con la R.M. 93/E del 13.12.2013, l’Amministrazione Finanziaria interviene sul tema dell’aliquota Iva applicabile dalle cooperative sociali che operano nel settore della riabilitazione di disabili fisici, psichici e sensoriali, per conto del Servizio sanitario regionale (Ssr) e nazionale, dopo le modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2013 (L. 228/2012). 

Il nuovo quadro RW

L’Agenzia detta le modalità di compilazione del prospetto in Unico PF 2014 (anno 2013) dedicato al monitoraggio fiscale

lunedì 16 dicembre 2013

Errori contabili sanabili nel modello Irap 2014

La correzione degli errori contabili derivanti dalla mancata imputazione di componenti negativi e positivi nel corretto esercizio di competenza, trova spazio nel modello ministeriale Irap 2014, pubblicato in bozza dall’Agenzia lo scorso 12 dicembre 2013.

Test Iva per le società in perdita

Preclusione in vigore per gli enti in «rosso» fiscale nel 2010-2012

giovedì 5 dicembre 2013

Soci, niente invio per i beni «fuori» da Unico

Sono numerosi i dati relativi ai beni concessi in godimento ai soci e ai familiari e ai finanziamenti e alle capitalizzazioni effettuati nei riguardi dell'impresa che non devono essere comunicati entro il prossimo 12 dicembre, anche al fine di non far emergere eventuali discrasie rispetto a quanto già indicato in Unico 2013. Vediamo alcuni dei casi più importanti.

La crisi non blocca il credito Iva

Detrazione sugli acquisti anche in assenza dell'avvio dell'attività di impresa

mercoledì 4 dicembre 2013

lunedì 2 dicembre 2013

Sì alla sponsorizzazione allineata con il fatturato

I costi per la sponsorizzazione di squadre sportive dilettantistiche sono deducibili anche se appaiono antieconomici ma devono essere proporzionati al fatturato della società che li sostiene. È quanto emerge dalla sentenza 170/01/2013 della Ctp di Mantova. 

Congruità e coerenza aiutano la difesa

La strada della difesa dagli accertamenti presuntivi passa dall'impugnazione o, ancora prima, dal tentativo di un accordo con il Fisco.

Studi, la fedeltà a Gerico non basta

Gli uffici ricalcolano i ricavi contestando inesattezze dei dati senza contraddittorio