PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

lunedì 30 aprile 2012

RESTYLING PER L'INDEDUCIBILITÀ DEI COSTI DA REATO

In sede di conversione in legge del DL 16/2012 sono state apportate ulteriori modifiche alla disciplina dell’indeducibilità
Rispetto alla prima versione contenuta nel DL 16/2012, con la L. di conversione (n. 44 del 26 aprile 2012, in vigore da ieri), l’art. 8 del citato DL prevede ulteriori modifiche all’art. 14 comma 4-bis della L. n. 537/1993, recante la disciplina dell’indeducibilità dei costi da reato.
Giova ricordare che, ante DL 16/2012, la versione in vigore dell’art. 14 citato prevedeva che, “nella determinazione dei redditi di cui all’articolo 6, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, non sono ammessi in deduzione i costi o le spese riconducibili a fatti, atti o attività qualificabili come reato, fatto salvo l’esercizio di diritti costituzionalmente riconosciuti”.
Ai sensi dell’art. 8 del DL 16/2012, l’art. 14 comma 4-bis della L. 537/1993 prevede ora che, nella determinazione dei redditi di cui all’art. 6 comma 1 del TUIR, non siano ammessi in deduzione i costi e le spese dei beni o delle prestazioni di servizio direttamente utilizzati per il compimento di atti o attività qualificabili come delitto non colposo per il quale il pubblico ministero abbia esercitato l’azione penale.
A seguito delle modifiche apportate in sede di conversione in legge, l’indeducibilità dei suddetti costi scatta anche qualora il giudice abbia emesso il decreto che dispone il giudizio ai sensi dell’art. 424 c.p.p. ovvero sentenza di non luogo a procedere ai sensi dell’art. 425 dello stesso codice fondata sulla sussistenza della causa di estinzione del reato prevista dall’art. 157 c.p. (ossia per intervenuta prescrizione del reato).
Viene altresì disposto che compete il rimborso delle maggiori imposte versate in relazione alla non ammissibilità in deduzione in base alla suddetta disposizione e dei relativi interessi qualora intervenga:
- una sentenza definitiva di assoluzione, ai sensi dell’art. 530 c.p.p.;
- una sentenza definitiva di non luogo a procedere, ai sensi dell’art. 425 c.p.p., fondata su motivi diversi dalla prescrizione;
- una sentenza definitiva di non doversi procedere, ai sensi dell’art. 529 c.p.p.
Fatture oggettivamente inesistenti
Il secondo comma dell’art. 8 del DL 16/2012, rimasto immutato in sede di conversione, dispone che ai fini dell’accertamento delle imposte sui redditi non concorrono alla formazione del reddito oggetto di rettifica i componenti positivi direttamente afferenti a spese o altri componenti negativi relativi a beni o servizi non effettivamente scambiati o prestati, entro i limiti dell’ammontare non ammesso in deduzione delle predette spese o altri componenti negativi.
In tal caso, è prevista una sanzione amministrativa dal 25 al 50% dell’ammontare delle spese o altri componenti negativi relativi a beni o servizi non effettivamente scambiati o prestati indicati nella dichiarazione dei redditi (si veda “Deducibili i costi da attività illecite colpose” del 12 marzo 2012).
È prevista l’applicabilità delle summenzionate disposizioni, ove più favorevoli, in luogo di quanto disposto dal previgente comma 4-bis dell’art. 14 della L. n. 537/1993, anche per fatti, atti o attività posti in essere prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni, facendo comunque salva l’ipotesi in cui i provvedimenti emessi in base al predetto comma 4-bis previgente si siano resi definitivi.
Infine, la norma prevede che tali disposizioni si applichino anche ai fini della determinazione della base imponibile IRAP
Fonte: Eutekne autore Pamela ALBERTI  

Nessun commento:

Posta un commento