PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

martedì 10 marzo 2015

Lo split payment punisce il non profit

Enti non profit e imprese agricole sono penalizzati dallo split payment, previsto dal nuovo articolo 17 ter del Dpr 633/72, in quanto non percependo l’Iva sono in difficoltà nell’esercitare il diritto alla detrazione. 
Dal 1° gennaio 2015 per le operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici (vedi elenco nella circolare dell’agenzia delle Entrate n. 1/E/2015), la fattura viene emessa come in passato applicando l’Iva, ma l’imposta non viene versata al cedente o prestatore, ma direttamente all’Erario. Questa circostanza è sfavorevole per le imprese agricole che effettuano servizi ai Comuni (per esempio sgombero neve) e applicano il regime forfettario previsto per le attività connesse disciplinate all’articolo 34 bis del Dpr 633/72, nonché per le cessioni di prodotti agricoli in regime speciale Iva ; analogamente sono in difficoltà le associazioni del volontariato che effettuano servizi a favore degli enti pubblici e applicano la disciplina del regime forfettario previsto alla legge 398/1991 (ricavi fiscalmente rilevanti non superiori a 250 mila euro).
Lo split payment riguarda tutte le operazioni effettuate nei confronti degli enti pubblici ad eccezione delle prestazioni di servizio soggette a ritenuta d’acconto e di quelle che rientrano nel reverse charge (per esempio i servizi di pulizia). Le associazioni senza scopo di lucro che hanno optato per il regime della legge 398/1991, applicano l’Iva sulle fatture emesse nei confronti di chiunque e l’Iva a debito viene determinata in base alle regole dell’articolo 74, comma 6 del Dpr 633/72. Si tratta del regime delle attività spettacolistiche che prevede il diritto alla detrazione forfetizzata nella misura del 50% dell’imposta relativa alle operazioni effettuate. Quindi il diritto alla detrazione è indubbio ma non percependo l’imposta relativa alle operazioni attive effettuate viene a mancare la materia per usufruire della detrazione. La situazione si complica in quanto tali soggetti sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione Iva, nella quale potrebbe emergere il credito da recuperare con le procedure normali (rimborso o compensazione orizzontale). A nostro parere non dovrebbe essere vietata la compensazione verticale in corso di anno ove l’ente effettui anche operazioni imponibili nei confronti di altri soggetti che corrispondono l’Iva, ma la procedura dovrebbe essere regolata in via amministrativa dalle Entrate.
Nel settore agricolo si può presentare il caso della fornitura di prodotti agricoli a enti pubblici, come pure l’effettuazione di prestazioni di servizio, ipotesi che non consentono all’imprenditore agricolo di incassare l’Iva. Su tali operazioni al produttore agricolo spetta la detrazione determinata con le percentuali di compensazione, ovvero per le prestazioni di servizio spetta la detrazione dell’Iva nella misura del 50% dell’Iva applicata in fattura. Le detrazioni comunque spettano anche se l’imposta non viene incassata, in quanto si tratta di operazioni imponibili; tuttavia il recupero può essere effettuato solo mediante compensazione con l’Iva a debito derivante da altre operazioni nell’auspicio che ve ne siano. Diversamente il credito Iva che risulterà dalla dichiarazione potrà essere compensato con altre imposte o contributi a debito nel modello F24 o infine richiesto a rimborso se sussistono le condizioni dell’articolo 30 del Dpr 633/72. Il rimborso dell’Iva a credito generato dalle fatture emesse nei confronti degli enti pubblici ha priorità e quindi viene pagato per primo.
Fonte: Il sole 24 ore autore Gian Paolo Tosoni

Nessun commento:

Posta un commento