PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

giovedì 8 dicembre 2016

Arriva l’Iri, prelievo al 24% per il reddito d’impresa

Debutta, dopo vari tentativi, l’imposta sul reddito di impresa (Iri) per le imprese individuali e le società di persone in regime di contabilità ordinaria. Lo stabilisce l’articolo 1, comma 547, della legge di bilancio 2017 che ha introdotto l’articolo 55-bis del Dpr 916/86.
La norma dispone che il reddito d’impresa degli imprenditori individuali e delle società in nome collettivo e in accomandita semplice in regime di contabilità ordinaria, è escluso dalla formazione del reddito complessivo e viene assoggettato a tassazione separata con l’aliquota pari al 24%, ovvero con l’aliquota prevista per i soggetti Ires.
Il reddito di impresa, di conseguenza, non concorre alla formazione del reddito complessivo dell’imprenditore o del socio almeno fino a quando questi soggetti non preleveranno le somme dalla sfera dell’impresa. Infatti nella fattispecie non si applicherà più l’articolo 5 del Tuir che prevede la tassazione per trasparenza dei redditi delle società di persone.
Quando l’imprenditore o i propri soci preleveranno le somme già assoggettate a Iri dai conti bancari dell’impresa, queste somme hanno ancora natura di reddito di impresa e concorreranno a formare integralmente il reddito complessivo personale dell’imprenditore, dei collaboratori dell’impresa familiare o dei soci. Quindi le somme prelevate non seguono le regole del reddito di capitale tassabili al 49,72%, ma saranno tassate per intero.
A sua volta, dal reddito dell’impresa individuale o della società, sono ammesse in deduzione le somme prelevate a favore dell’imprenditore, dei collaboratori familiari o dei soci. La deduzione è determinata al netto (quindi viene ridotta) delle perdite residue computabili in diminuzione dai redditi di impresa dei periodi di imposta successivi.
La norma non brilla per chiarezza e nemmeno gli esempi contenuti nella relazione accompagnatoria aiutano. La norma vuole evitare una doppia deduzione, prima sottraendo per intero le somme prelevate e successivamente con la normale deduzione della perdita; ma può riguardare anche le eccedenze di somme prelevate in un periodo di imposta rispetto agli utili realizzati nello stesso periodo utilizzando gli utili conseguiti negli esercizi precedenti.
Le somme prelevate dalle riserve di utili formate precedentemente alla applicazione dell’Iri rimangono esenti da Irpef in quanto già tassate in regime di trasparenza. Interessante la regola secondo cui si considerano distribuite per prime le riserve formate antecedentemente al regime dell’Iri.
L’Iri non è un regime obbligatorio; infatti come disposto nel comma 4 del nuovo articolo 55-bis, l’opzione ha durata per cinque periodi di imposta ed è rinnovabile (la norma non dice se per un anno o per un quinquennio). L’opzione deve essere esercitata nella dichiarazione dei redditi, con effetto dal periodo di imposta cui è riferita la dichiarazione; per il 2017 l’opzione va quindi comunicata nel modello Unico 2018.
La norma estende il regime dell’Iri anche alle società a responsabilità limitata che hanno i requisiti per optare per la trasparenza fiscale ai sensi dell’articolo 116 del Tuir. Queste società possono optare per le disposizioni di cui al nuovo articolo 55-bis in alternativa alla trasparenza fiscale. In questo caso gli utili prelevati dai soci delle srl hanno natura di reddito di impresa e non di reddito di capitale.
Viene modificato anche il criterio di deducibilità delle perdite di impresa per i soggetti che optano per l’Iri; infatti esse si deducono per intero anche oltre il quinquennio. Se cessa il regime Iri torma il limite temporale quinquennale considerando l’ultimo anno come periodo di imposta di formazione delle perdite.
La relazione illustrativa al disegno di legge precisa che la disposizione è finalizzata anche a favorire la capitalizzazione delle imprese, in quanto scompone, ai fini impositivi, il reddito generato dall’impresa dagli altri redditi percepiti dall’imprenditore, assoggettati all’ordinaria Irpef in misura progressiva.
Infine una disposizione di carattere previdenziale: il contributo annuo dovuto per gli iscritti alle gestioni previdenziali degli artigiani e commercianti, non tiene conto del reddito assoggettato a Iri. La norma richiama l’intero articolo 55-bis del Tuir, ma si ritiene che quando l’utile viene prelevato dal titolare o dai soci non potrà che essere sottoposto a contribuzione, tenuto conto che è sempre definito reddito di impresa.
Fonte: Il sole 24 ore autore Gian Paolo Tosoni

Nessun commento:

Posta un commento