PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

sabato 26 novembre 2016

Detrazioni Iva, corsa al «recupero»

Entro fine dicembre i contribuenti possono correggere gli errori sul periodo d’imposta 2011
Invio delle dichiarazioni Iva integrative a favore anche oltre il termine per l’invio del modello relativo all’anno successivo. Quindi, ad esempio, è ancora possibile inviare l’integrativa Iva 2015, relativa al 2014, il cui invio, fino al 23 ottobre 2016, era scaduto il 30 settembre 2016. Ma è possibile correggere addirittura il modello Iva 2012, relativo al 2011, se ci si è dimenticati di detrarre un importo di Iva, inviando, entro la fine del 2016, il relativo modello integrativo. È l’effetto dell’articolo 5 del Dl 193/2016, approvato definitivamente dal Senato. 
Scadenze 
La dichiarazione Iva integrativa a favore per l’anno 2016 (Iva 2017), scadrà il 31 dicembre 2022 (2024, cioè due anni in più, in caso di omessa presentazione). Per gli anni precedenti al 2016, l’accertamento scade entro la fine del quarto anno successivo all’invio del modello, quindi, il 2015 potrà essere accertato e di conseguenza integrato (anche a favore) entro il 31 dicembre 2020 (2021, cioè un anno in più, in caso di omessa presentazione), il 2014 entro il 31 dicembre 2019, il 2013 entro il 31 dicembre 2018, il 2012 entro il 31 dicembre 2017 e il 2011 entro il 31 dicembre 2016 (2017, cioè un anno in più, in caso di omessa presentazione). 
Credito libero 
Per la dichiarazione annuale Iva, l’utilizzo dell’eventuale «credito derivante dal minore debito o dalla maggiore eccedenza detraibile», generato dall’integrativa Iva a favore, è completamente libero, solo se quest’ultima viene presentata «entro» il termine previsto per l’invio della dichiarazione Iva «relativa al periodo d’imposta successivo». Il modello Iva 2017, relativo al 2016, dovrà essere presentato entro il 28 febbraio 2017 (l’Iva 2016 per il 2015 doveva essere spedita entro il 30 settembre 2016), mentre dal modello Iva 2018, relativo al 2017, in poi, la presentazione dovrà essere effettuata «tra il 1° febbraio e il 30 aprile» dell’anno successivo a quello di riferimento. Quindi, i crediti generati dall’integrativa Iva a favore sono completamente liberi in questi casi: se entro lo scorso 30 settembre 2016 è stata presentata l’integrativa Iva 2015, relativa al 2014, se entro il 28 febbraio 2017 si presenterà l’integrativa Iva 2016, relativa al 2015, ovvero se entro il 30 aprile 2018 si presenterà l’integrativa Iva 2017, relativa al 2016. Solo in questi casi, quindi, il nuovo credito potrà «essere portato in detrazione» nelle liquidazioni periodiche mensili o trimestrali, potrà essere compensato orizzontalmente in F24, potrà essere utilizzato direttamente nelle «dichiarazioni annuali» ovvero (se ricorrono «per l’anno per cui è presentata la dichiarazione integrativa» i requisiti degli articoli 30 e 34, comma 9, del Dpr 633/1972) potrà essere «chiesto a rimborso». 
Credito con limiti 
Viceversa, se l’integrativa a favore viene presentata dopo il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno solare successivo (ad esempio, se oggi si presenta l’integrativa Iva 2015, relativa al 2014, o se l’integrativa Iva 2016, relativa al 2015, verrà inviata dopo il 28 febbraio 2017), il nuovo credito Iva può essere utilizzato solo in compensazione in F24 «per eseguire il versamento di debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione integrativa» ovvero «chiesto a rimborso». 
Anche in questo caso, come per il modello integrativo presentato entro il termine di invio del modello relativo all’anno solare successivo, il rimborso è consentito solo se sono rispettati i consueti requisiti per i rimborsi, indicati agli articoli 30 e 34, comma 9, del Dpr 633/1972. E questa verifica va fatta non per l’anno solare a cui si riferisce il modello integrato, ma «per l’anno per cui è presentata la dichiarazione integrativa». Pertanto non sarà possibile il rimborso Iva per un anno con i requisiti, se l’integrativa Iva verrà presentata in un anno in cui questi non sono rispettati. Viceversa, si potrebbe arrivare a presentare le dichiarazioni Iva originarie, con errori pro-fisco, negli anni in cui non sono rispettati i requisiti del rimborso, per poi inviare le relative integrative Iva nell’anno in cui sono rispettati i requisiti. 
Fonte: Il sole 24 ore autore Luca De Stefani

Nessun commento:

Posta un commento