PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

giovedì 5 gennaio 2017

La «flat tax» alle corde sui prelevamenti

Complicazione per la disciplina fiscale dei prelevamenti dei soci (o del titolare) nel regime della flat tax. 
Come è noto, il prelevamento è deducibile dal reddito nel limite del reddito stesso relativo al periodo d’imposta e ai periodi precedenti assoggettati a tassazione separata; ma per determinare il reddito una componente è il prelevamento medesimo, quindi si hanno due variabili (reddito e prelevamento) che si richiamano l’una con l’altra; il che complica decisamente il calcolo.
Anzitutto il problema si pone con maggiore urgenza per tutte quelle società che non hanno riserve di utili degli anni precedenti (in quanto già prelevati) poiché viceversa il prelevamento del 2017 dovrebbe essere imputato a quelle riserve pregresse (articolo 55-bis, comma 6 del Tuir). Quindi per tutte le società che presentano un patrimonio netto pari essenzialmente al capitale sociale, si pone il problema di come gestire i prelievi in acconto sugli utili 2017, se si vorrà optare per la flat tax. Occorre premettere che anche per le società di persone si avrebbe un divieto al prelevamento di somme se non per utili effettivamente conseguiti (articoli 2262 e 2303 del Codice civile), anche se la Cassazione (sentenza 10786/2003) ha ritenuto che sia possibile derogare dal divieto (anche per le snc e per le sas) previa esplicita previsione nello statuto sociale.
Pertanto, ammesso che sia possibile eseguire il prelevamento in acconto sugli utili in corso di maturazione, come va gestita la deduzione fiscale? Poniamo che l’utile del periodo 2017 (al lordo dei prelievi) sia 100 e che 70 sia il prelievo complessivo: per verificare la deducibilità di questi 70 bisognerebbe conoscere il reddito imponibile, ma per determinare quest’ultima grandezza è necessario conoscere il prelevamento deducibile. Se si potesse assumere, almeno per il primo anno di applicazione della flat tax, l’utile fiscale al lordo del prelevamento (100 nel nostro esempio) tutto sarebbe più facile; ma il comma 1 del citato articolo 55-bis non autorizza tale semplificazione, quindi bisognerà attendere quale sarà l’interpretazione ufficiale dell’agenzia delle Entrate.
Altro tema interessante con riferimento alla disciplina fiscale dei prelevamenti è l’inserimento del loro ammontare nel reddito complessivo del socio (o dell’imprenditore individuale o collaboratore familiare). Tale reddito presenta una specifica categoria reddituale che è il reddito d’impresa, così come afferma l’articolo 55-bis, comma 3 del Tuir, e questa scelta del legislatore non è priva di conseguenze. A prescindere da come si dovrà trattare l’inserimento nel modello Unico (è improbabile che si debba utilizzare il quadro tipico del reddito d’impresa RG o RF) la qualificazione “reddito d’impresa” permette di ipotizzare una possibile compensazione con perdite derivanti da altri soggetti societari che non hanno optato per la tassazione separata. Si pensi ad un contribuente che partecipa a due snc, la prima opta per la flat tax mentre la seconda versa in regime ordinario. Dalla seconda società egli ha ritratto perdite fiscali che riporta a nuovo nel quinquennio successivo e tali perdite non trovano capienza nei redditi successivi prodotti dalla stessa società che ha generato le perdite. Il prelevamento nella snc che ha optato per il regime della flat tax genera in capo al socio un reddito di impresa e ciò gli permetterà di compensare le perdite ritratte dalle altre posizioni societarie (o individuali) in regime ordinario. Appare invece più difficile pensare che nel caso un soggetto partecipasse ad una società in regime di flat tax e contemporaneamente esercitasse una attività di impresa individuale in regime ordinario, il reddito d’impresa derivante dal prelevamento nella società in regime di tassazione separata possa essere direttamente computato tra i componenti positivi del reddito d’impresa individuale in regime ordinario: si tratta pur sempre di componenti derivante da diversi soggetti fiscali diversi tra loro, per cui appare più ragionevole la sommatoria algebrica della varie ipotesi reddituali nel computo del reddito complessivo.
GLI ESEMPI
CIRCOLO VIZIOSO
Posto che l’utile del periodo 2017 (al lordo dei prelievi) sia 100 e che 70 sia il prelievo complessivo, per verificare la deducibilità di questi 70 bisognerebbe conoscere il reddito imponibile; ma per determinare quest’ultima grandezza è necessario conoscere il prelevamento deducibile. Se si potesse assumere, almeno per il primo anno di applicazione della flat tax, l’utile fiscale al lordo del prelevamento (100 nel nostro esempio) tutto sarebbe più facile; ma il comma 1 del citato dell’articolo 55-bis del Tuir non autorizza tale semplificazione
REDDITI E PERDITE
Un contribuente partecipa a due snc, la prima delle quali opta per la flat tax mentre la seconda versa in regime ordinario. Dalla seconda società egli ha ritratto perdite fiscali che riporta a nuovo nel quinquennio successivo e tali perdite non trovano capienza nei redditi successivi prodotti dalla stessa società che ha generato le perdite. Il prelevamento nella snc che ha optato per il regime della flat tax genera in capo al socio un reddito di impresa e ciò gli permetterà di compensare le perdite ritratte dalle altre posizioni societarie (o individuali) in regime ordinario
Fonte: Il sole 24 ore autore Paolo Meneghetti Gianpaolo Ranocchi

Nessun commento:

Posta un commento