PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

lunedì 9 gennaio 2017

Obblighi contabili. Semplificazione possibile optando per il metodo delle registrazioni Iva

Documenti e annotazioni in aumento
Gli adempimenti contabili delle imprese minori sono destinati a incrementarsi, a meno che non si opti per il criterio che consente di far coincidere il criterio di cassa con quello della registrazione dei documenti ai fini dell’Iva. 
L’impresa che applica il criterio di cassa deve, infatti, conservare anche la documentazione relativa agli incassi e ai pagamenti - cioè gli estratti dei conti bancari (che è bene che siano relativi alla sola attività imprenditoriale) e le ricevute delle operazioni “non tracciate” (comprese quelle relative agli acconti) – per dimostrare la correttezza delle annotazioni effettuate. 
Le registrazioni contabili risulteranno frequentemente superiori a quelle necessarie in vigenza del criterio di competenza e appare opportuno tenere memoria delle rimanenze, anche se non concorrono più a formare il reddito: gli uffici delle Entrate e la Guardia di finanza potranno, infatti, continuare a verificare le giacenze di magazzino, al fine di controllare la corrispondenza alla realtà degli acquisti e dei ricavi dichiarati. 
Gli obblighi contabili 
Il nuovo regime sarà quello “naturale” per le imprese minori che non applicano il regime forfettario, le quali devono annotare cronologicamente (entro 60 giorni) negli appositi registri degli incassi e delle spese: gli importi percepiti o pagati; le generalità, l’indirizzo e il comune di residenza anagrafica del soggetto che effettua o riceve il pagamento; gli estremi della fattura o altro documento emesso o ricevuto. Gli altri componenti positivi e negativi di reddito (che rilevano per competenza) devono essere annotati negli stessi registri entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. 
È possibile, in alternativa, tenere soltanto i registri previsti ai fini Iva, nei quali vanno separatamente annotate le singole operazioni non soggette a registrazione. Se l’incasso o il pagamento non avviene nell’anno di registrazione è possibile annotare l’importo complessivo dei mancati incassi o pagamenti, indicando anche le fatture cui le operazioni si riferiscono: i ricavi e i costi vanno poi annotati separatamente nell’anno di incasso o pagamento, indicando il documento contabile già registrato ai fini Iva. 
Vista la complessità di tali adempimenti è stato previsto, «per finalità di semplificazione», che i contribuenti possono – esercitando un’opzione vincolante per almeno 3 anni - tenere i registri ai fini Iva senza annotare gli incassi e i pagamenti, fermo restando l’obbligo della separata annotazione delle operazioni non soggette a registrazione ai fini di tale imposta. In tal caso «si presume che la data di registrazione dei documenti coincida con quella in cui è intervenuto il relativo incasso o pagamento». 
In quest'ultimo caso viene praticamente abbandonato il criterio di cassa e le ulteriori annotazioni riguardano le operazioni che rilevano soltanto ai fini delle imposte sui redditi.
L’opzione per l’ordinaria 
Le imprese che non intendono adottare la contabilità semplificata possono optare per la tenuta di quella ordinaria. Nell’articolo 3, comma 3, del Dpr 442/97 è stabilito che le opzioni relative ai regimi contabili vincolano il contribuente per un solo anno. Nel comma 8 dell’articolo 18 del Dpr 600/73 è stato, invece, ribadito che l’opzione è vincolante per 3 anni, perché è interessata anche la determinazione del reddito.
Fonte: Il Sole 24 ore

Nessun commento:

Posta un commento