PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

lunedì 12 giugno 2017

Compensazioni orizzontali senza home banking

La risoluzione 68 indica i codici tributo per i crediti che, se usati in compensazione, comportano l’obbligo di avvalersi dei servizi telematici dell’Agenzia per l’F24
Sono disponibili i codici tributo relativi ai crediti fiscali che, se utilizzati in compensazione orizzontale ex art. 17 del DLgs. 241/97, obbligano i soggetti titolari di partita IVA a presentare il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici della stessa Agenzia.
L’Agenzia delle Entrate li ha infatti indicati con la risoluzione n. 68 diramata ieri.
In primo luogo, si ricorda che l’art. 3 comma 3 del DL 24 aprile 2017 n. 50 ha previsto che i modelli F24 presentati da soggetti titolari di partita IVA, riportanti compensazioni orizzontali di crediti relativi a imposte sui redditi e relative addizionali, a ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito, all’IRAP, all’IVA e ai crediti da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi, di qualsiasi importo, devono essere trasmessi esclusivamente mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline).
Per tali soggetti, quindi, rimane precluso l’utilizzo dei servizi di home banking in relazione alle suddette deleghe di pagamento.
La risoluzione n. 68/2017, fornisce, preliminarmente, un elenco di crediti (allegato 1 al documento) che, sulla base delle disposizioni previgenti, già obbligavano tutti i contribuenti che intendono utilizzarli in compensazione a presentare il modello F24 esclusivamente in via telematica mediante i servizi dell’Agenzia (si tratta di crediti d’imposta relativi ad agevolazioni e incentivi fiscali).
Successivamente, il documento di prassi riporta (allegato 2) l’elenco dei codici tributo il cui utilizzo in compensazione orizzontale, a seguito delle novità del DL 50/2017, obbliga i soli titolari di partita IVA alla trasmissione telematica del modello F24 mediante i servizi dell’Agenzia. Si tratta dei crediti relativi alle imposte dirette (IRPEF, IRES) e alle relative addizionali, all’IRAP, all’IVA (annuale e trimestrale) e dei crediti d’imposta derivanti da agevolazioni da riportare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi.
Viene, tuttavia, evidenziato che tale obbligo non sussiste qualora nella medesima delega di pagamento siano indicati particolari codici tributo, riportati nell’allegato 3 del documento, che identificano l’utilizzo del credito in compensazione con un importo a debito della stessa imposta (c.d. compensazione verticale o interna), tipicamente gli acconti e i versamenti periodici IVA. Nel caso in cui, al netto delle compensazioni “interne”, residui un saldo positivo, occorre verificare se, secondo le regole generali, sorge l’obbligo (o meno) di presentare il modello F24 in via telematica mediante i servizi dell’Agenzia.
Al riguardo, si ipotizzi che, in sede di compilazione del modello F24, sia riportato un importo a debito, pari a 12.000 euro, relativo al secondo acconto IRES (codice 2002) e, contestualmente, l’importo a credito del saldo IRES (codice 2003) e del credito IVA annuale (codice 6099), entrambi per 5.000 euro. In questa ipotesi, la compensazione parziale dell’IRES con l’IVA determina una compensazione orizzontale che rientra nei nuovi obblighi introdotti dal DL 50/2017.
Viceversa, nel caso in cui si utilizzasse in compensazione il solo saldo IRES a credito, l’eccedenza, pari a 7.000 euro, potrebbe essere versata mediante F24 presentato tramite home banking, in quanto si è determinata solo una parziale compensazione interna.
Risulta, inoltre, configurabile come compensazione “orizzontale” l’utilizzo di un credito IRES, pari a 8.000 euro (codice 2003), in compensazione per corrispondere un debito relativo al secondo acconto IRES (codice 2002) e un debito relativo a un tributo diverso dall’IRES, entrambi di importo pari a 5.000 euro, comportando, di conseguenza, l’obbligo di presentare il modello F24 tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate per versare il residuo importo a debito di 2.000 euro.
Bonus Renzi e crediti per rimborsi da 730 esclusi dai nuovi obblighi
La risoluzione n. 68, inoltre, ufficializza i chiarimenti che erano stati forniti nel corso dell’incontro organizzato il 17 maggio 2017 dalla Fondazione Studi dei consulenti del lavoro, in relazione all’esclusione dai nuovi obblighi delle compensazioni dei crediti relativi al c.d. “bonus Renzi” e ai rimborsi erogati dai sostituti d’imposta a seguito della presentazione dei modelli 730.
Infine, viene precisato che l’elenco dei codici tributo, riportato negli allegati 2 e 3 del documento di prassi, potrà essere oggetto di periodica revisione, anche sentite le Associazioni di categoria e le Associazioni professionali, per effetto di successive modifiche normative, nonché del necessario monitoraggio sul loro utilizzo.
Fonte: EUTEKNE Autori Massimo NEGRO e Simone SUMA

Nessun commento:

Posta un commento