PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

venerdì 13 ottobre 2017

Modelli INTRASTAT: le semplificazioni in arrivo

Con il Provvedimento 25.9.2017, l'Agenzia delle Entrate ha dettato la nuova disciplina fiscale e statistica dei modelli INTRASTAT, applicabile agli elenchi riepilogativi il cui periodo di riferimento decorre dal 1.1.2018. Con Nota n. 110586/2017, l'Agenzia delle Dogane ha poi precisato che resta comunque invariato l’obbligo di presentazione dei modelli relativi all’ultimo trimestre 2017 e al mese di dicembre 2017, così come l’obbligo di comunicare eventuali rettifiche agli elenchi INTRASTAT aventi periodi di riferimento antecedenti. 
I MODELLI RIFERITI AGLI ACQUISTI DI BENI E AI SERVIZI RICEVUTI
Il Provvedimento 25.9.2017, attuativo di quanto disposto dal DL 244/2017, ha introdotto, con effetto dal 1.1.2018, rilevanti semplificazioni in materia di modelli INTRA 2. È prevista, innanzitutto, l'eliminazione dell'obbligo di presentazione degli elenchi trimestrali riferiti agli acquisti di beni e servizi, con il contestuale innalzamento delle soglie che impongono la presentazione con cadenza mensile dei modelli INTRA 2.
Per i modelli INTRA 2-bis (acquisti di beni), in particolare, l'obbligo di presentazione (con cadenza mensile) ricorre qualora, in almeno 1 dei 4 trimestri precedenti, l'ammontare trimestrale degli acquisti sia d'importo pari o superiore a € 200.000. Per i modelli INTRA 2-quater (servizi ricevuti), invece, l'obbligo di presentazione (con cadenza mensile) ricorre qualora, in almeno 1 dei 4 trimestri precedenti, l'ammontare trimestrale degli acquisti sia d'importo pari o superiore a € 100.000.
Le informazioni relative alle operazioni intracomunitarie non più ricomprese negli elenchi trimestrali saranno acquisite dall'Amministrazione finanziaria attraverso i dati indicati nella Comunicazione dati fatture (codice TD10 per i dati delle fatture di acquisto intracomunitario di beni e codice TD11 per le fatture delle prestazioni di servizio ricevute in ambito comunitario) o dalle fatture elettroniche trasmesse ai sensi del D.Lgs. 127/2015.
Ai fini della verifica della soglia degli acquisti trimestrali, il cui superamento impone la presentazione degli elenchi con cadenza mensile, occorre poi aver riguardo a ciascuna singola categoria di operazioni. Ad esempio, se nel corso di un trimestre un soggetto passivo realizza acquisti intracomunitari di beni per € 300.000, ricevendo servizi intracomunitari per € 10.000, l'obbligo di presentazione ricorre soltanto per gli elenchi riferiti agli acquisti intracomunitari di beni.
Ancora, gli elenchi mensili riferiti agli acquisti di beni e servizi assumono una valenza esclusivamente statistica (dovrebbe, pertanto, trovare applicazione il più favorevole impianto sanzionatorio previsto per le violazioni di natura statistica).
Da ultimo è previsto un significativo ridimensionamento del livello di dettaglio richiesto nella compilazione del campo "Codice servizio" dei modelli riferiti alle prestazioni di servizio ricevute. I codici indicati nella Tabella CPA 2008 passeranno, infatti, dalle attuali 6 cifre a 5 (con la conseguente riduzione del 50% dei codici da selezionare). Il provvedimento prevede anche la predisposizione di un motore di ricerca atto a semplificare l'individuazione del codice attribuibile ai servizi ricevuti. 
I MODELLI RIFERITI ALLE CESSIONI DI BENI E AI SERVIZI RESI
Il Provvedimento 25.9.2017 conferma l'obbligo di presentazione degli elenchi riferiti alle cessioni intracomunitarie di beni e alle prestazioni di servizi rese in ambito comunitario. La periodicità di presentazione degli stessi, mensile o trimestrale, continua poi a essere collegata alla soglia trimestrale di € 50.000.
Anche per i modelli INTRA 1, la verifica della soglia delle cessioni trimestrali, il cui superamento impone la presentazione degli elenchi con cadenza mensile, deve essere effettuata distintamente per ciascuna singola categoria di operazioni. 
La vera novità è costituita dall'introduzione di una soglia di cessioni trimestrali, pari a € 100.000, il cui superamento comporta l'obbligo di compilazione dei dati statistici nei modelli INTRA 1-bis.
Infine, così come previsto per le prestazioni di servizio ricevute, anche per i servizi resi è previsto il ridimensionamento del livello di dettaglio richiesto nella compilazione del campo "Codice servizio", con il passaggio del codice CPA da 6 a 5 cifre. 
Estratto dalla circolare Focus ESTERO n. 19/2017

Nessun commento:

Posta un commento