PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

sabato 2 dicembre 2017

Amministratori meno contributi INPS

Gli amministratori di società dovranno iscriversi alla Gestione artigiani e commercianti dell’Inps e non più alla gestione separata.
È questa una delle conseguenze pratiche più interessanti della sentenza della Corte di cassazione a sezioni unite del 20 gennaio 2017 che ha ribaltato il precedente orientamento, consolidato da più di vent’anni, sulla qualificazione giuridica dell’attività di amministratore o di consigliere d’amministrazione. La Suprema corte infatti, tenendo conto della evoluzione della disciplina societaria degli ultimi anni, ha riqualificato il rapporto che lega società e amministratore non più come rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato ma come rapporto societario. Si tratta infatti di un rapporto che serve ad assicurare l’agire della società e non è assimilabile, secondo la Cassazione «a un contratto d’opera né tanto meno a un rapporto di tipo subordinato o parasubordinato». 
Numerose le conseguenze pratiche: la competenza del tribunale delle imprese al posto del tribunale del lavoro per le controversie che possono insorgere tra le parti; la pignorabilità dei compensi anche oltre i limiti previsti per il lavoro dipendente; infine, ed è forse la questione di maggior impatto, il diverso inquadramento previdenziale, con l’obbligo di versamento dei contributi alla gestione artigiani e commercianti al posto della gestione separata. La differenza è sostanziale e, nella maggior parte dei casi, favorevole all’amministratore. L’aliquota previdenziale scende infatti dal 32 al 23,64%, anche se in quest’ultimo caso, per redditi inferiori ai 15 mila euro l’anno, è previsto il versamento di un mimale contributivo di 3.670 euro. Le nuove regole, che derivano dall’applicazione dei principi fissati dalla Cassazione, ma sulle quali l’Inps non si è ancora pronunciata, dovrebbero interessare gli amministratori e i consiglieri delle società, cioè tutti coloro che hanno la rappresentanza esterna dell’ente, salvo che non siano già iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria (per esempio il professionista già iscritto alla sua cassa).
Altra conseguenza è che non dovrebbe più aver ragion d’essere la doppia contribuzione chiesta in alcuni casi dall’Inps. Un esempio: una società produce e vende computer, il socio amministratore paga un contributo previdenziale alla gestione commercianti come socio e un contributo alla gestione separata come amministratore; applicando i nuovi principi verserà solo alla gestione commercianti. 
Altra differenza è legata al fatto che nella gestione separata chi non versa contributi non matura il diritto alla pensione, mentre nella gestione artigiani e commercianti il diritto alla pensione matura, in alcuni casi, anche in assenza dei versamenti contributi, purché si versi il minimale per maturare il diritto all’anno di anzianità contributiva.
Tutto sommato quindi le conseguenze del mutamento di orientamento giurisprudenziale sembrano in gran parte positive, almeno dal punto di vista previdenziale. Ma c’è un piccolo problema: l’Inps non ha finora preso posizione. Siamo quindi ancora al livello di interpretazione degli effetti impliciti di una sentenza (che aveva per oggetto, è bene ricordare, solo la pignorabilità dei compensi dell’amministratore). Questo però non esclude che il neo amministratore, che deve decidere ora a quale gestione Inps versare i propri contributi, possa optare per la gestione artigiani e commercianti. E nemmeno che chi è già iscritto alla gestione separata possa, in attesa di un pronunciamento ufficiale dell’Istituto di previdenza, chiedere di migrarvi se lo ritiene più conveniente.
Fonte: Italia oggi  27/2/2017

Nessun commento:

Posta un commento