PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

mercoledì 3 gennaio 2018

Dichiarazioni 2018. Le novità della prima bozza: nel quadro VH solo le modifiche delle comunicazioni effettuate nell’anno Il modello Iva evita le liquidazioni

Il quadro VG deve essere utilizzato sia per l’opzione che per l’uscita dal consolidato.
Niente più indicazione delle liquidazioni Iva periodiche nel quadro VH, ove vanno solo riportatele eventuali modifiche delle comunicazioni effettuate durante l’anno, e opzione per la liquidazione Iva di gruppo attraverso il quadro VG. 
Queste due delle novità contenute nella bozza di dichiarazione Iva annuale 2018, relativa al 2017.
Liquidazioni
Scompare dal quadro VH l’elencazione dei risultati delle liquidazioni periodiche Iva, mensili o trimestrali, visto che dal 2017, trimestralmente i contribuenti hanno già inviato le comunicazioni periodiche delle liquidazioni. Il quadro VH, quindi, può essere utilizzato solo eventualmente per correggere le risultanze delle liquidazioni già comunicate in corso d’anno.
Consolidato
Per quanto concerne, invece, il consolidato Iva, l’esercizio dell’opzione per tale tipologia di liquidazione cumulativa dell’imposta tra società controllate, deve essere esercitato attraverso il quadro VG (denominato, appunto, «Adesione al regime previsto per le società controllanti e controllate»). La sezione I del quadro va utilizzata sia per comunicare l’ingresso che la fuoriuscita, a partire dal 1°gennaio 2018, dalla procedura di liquidazione di gruppo, di una o più società controllate, quando la procedura risulta essere e? già stata avviata.
Di conseguenza il modello Iva 26 può ancora essere utilizzato qualora si debba comunicare l’esercizio dell’opzione da parte della controllante e delle controllate, nel caso in cui non sia possibile utilizzare la dichiarazione annuale Iva relativa all’anno precedente rispetto all’anno da cui decorre l’esercizio dell’opzione.
Sempre in tema di consolidato Iva, nel quadro VX sono stati inseriti i righi VX7 e VX8 all’interno dei quali vanno indicati, rispettivamente, l’Iva dovuta o l’Iva a credito da trasferire alla controllante da parte delle controllate.
Split payment
Nel quadro VE, invece, compare il rigo VE38 (denominato «Operazioni effettuate nei confronti dei soggetti di cui all’articolo 17-ter»), che è destinato a raccogliere le operazioni poste in essere applicando il particolare regime della scissione dei pagamenti che già dal 1° luglio 2017 coinvolge non solo le pubbliche amministrazioni, ma anche le società da esse controllate e le società quotate al Ftse Mib.
Per i cessionari in regime split payment, invece, le operazioni vanno inserite nel rigo VJ18, ove va riportato sia l’imponibile che l’imposta che è stata versata direttamente all’Erario.
Detrazione
Per quanto concerne, invece, la detrazione dell’Iva, che dopo il Dl 50/2017 ha visto una modifica sia dei tempi che delle modalità per il suo esercizio, nulla viene detto nella bozza di istruzioni alla dichiarazione Iva annuale.
Si ricorda, infatti, che l’esercizio alla detrazione va esercitato, al più tardi, con riferimento alle operazioni effettuate nel 2017, all’interno della dichiarazione Iva 2018. Pertanto in presenza di una fattura datata 2018 a un’Iva divenuta esigibile nel 2017, l’acquisto va rilevato all’interno della dichiarazione al fine di poter detrarre l’imposta.
Le istruzioni al quadro VF dispongono ancora che nel quadro «devono essere indicati l’imponibile e l’imposta relativi ai beni e servizi acquistati e importati nell’esercizio dell’impresa, arte o professione, risultanti dalle fatture e dalle bollette doganali di importazione annotate nell’anno 2017». È bene fare attenzione, però, che possono essere inserite anche le fatture annotate nel 2018 se si riferiscono a operazioni effettuate nel 2017.
Fonte: Il sole 24 ore autore Michele Brusaterra - Benedetto Santacroce

Nessun commento:

Posta un commento