PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

martedì 23 gennaio 2018

La ricezione vincola la detrazione Iva

Obbligo di verifica tra la data in cui è pervenuta la fattura e la liquidazione di riferimento
I cessionari e committenti, sulla base delle regole interpretative fornite dalla circolare 1/E/2018 che rendono necessario tracciare il momento di ricezione delle fatture devono verificare se i propri sistemi di gestione dei predetti documenti commerciali sono già oggi in grado di registrare puntualmente l’informazione. 
Questa informazione, in effetti, consente al contribuente di esercitare legittimamente il diritto a detrazione e di garantire la tenuta di una corretta contabilità. 
Sul piano operativo sono diverse le modalità che i fornitori utilizzano per l’emissione e la trasmissione delle fatture o che i clienti utilizzano per la ricezione delle stesse. Queste modalità molto spesso già oggi garantiscono al cliente la possibilità di individuare con certezza il momento in cui la fattura entra in suo possesso. 
Nella pratica e negli accordi tra cliente e fornitore capita spesso che gli strumenti utilizzati dall’emittente siano già perfettamente tracciabili, e che quindi sia possibile già oggi individuare la data in cui la fattura viene emessa dal fornitore e ricevuta dal cliente (si pensi al ricorso alla Pec per lo scambio delle fatture). 
Al contrario, queste certezze potrebbero mancare nel caso di fatture cartacee consegnate brevi manu ovvero spedite per posta ordinaria.
Più in particolare, è chiaro, ad esempio, che i sistemi Edi di trasmissione elettronica dei dati utilizzati nelle filiere commerciali ovvero nella grande distribuzione tra fornitori e clienti sono già oggi strumenti idonei per accertare la data di trasmissione e quella di ricezione della fattura. Analogamente nel settore agro-alimentare, anche a seguito degli obblighi imposti dal Dl 1 /2012 per la determinazione del momento in cui nascono gli interessi moratori, molti operatori hanno integrato i loro sistemi di scambio delle fatture con l’utilizzo della Pec. Quindi anche in questo caso vi è certezza sul momento di ricezione della fattura. Stessa facilità nella individuazione della data di ricezione si ha nelle ipotesi di messa a disposizione della fattura su un’apposita piattaforma da parte del fornitore. In questo caso, l’utente può visualizzare la fattura che il fornitore mette a disposizione sul portale (si pensi alle utenze telefoniche, elettriche eccetera) ovvero ad alcuni servizi di massa (si pensi al telepass). Pertanto, anche in questo caso, è possibile ricondurre il momento di ricezione della fattura al momento in cui la stessa è messa a disposizione sul portale stesso, a prescindere dal momento in cui il cliente procede a scaricare dal portale la fattura. Anche chi si è dotato di centri di dematerializzazione ha sempre una puntuale evidenza del momento di ricezione delle fatture. 
Il dato di ricezione della fattura è direttamente certificato al fisco con l’invio della fattura elettronica al sistema d’interscambio (Sdi) dell’agenzia delle Entrate. Il sistema che attualmente è utilizzato nei rapporti con la pubblica amministrazione sarà esteso dal 1° luglio 2018 per la cessione di carburanti e dal 1 gennaio 2019 per tutte le transazioni che si realizzano tra soggetti residenti ovvero identificati in Italia. 
Anche per coloro che gestiscono le fatture cartacee, inviate dal cliente con sistemi ordinari (posta, consegna brevi manu), potrebbero non esservi dubbi in merito al momento di ricezione della fattura. Le aziende più strutturate, ad esempio, dotate di un ufficio protocollo, numerano e datano in ordine progressivo i documenti che ricevono. 
In tutte queste situazioni è chiaro che il cessionario/committente proprio per garantire, ai fini della detrazione Iva, una corretta contabilizzazione delle fatture deve provvedere immediatamente a verificare se gli strumenti utilizzati siano in grado o meno di tracciare l’acquisizione delle fatture. In ogni caso, questa verifica servirà al cessionario/committente per controllare se le relative registrazioni in contabilità risultano coerenti con le nuove regole interpretative fornite dalla circolare 1/E/2018 e per evitare così l’applicazione di pesanti sanzioni. 
Fonte: Il sole 24 ore autore Simona Ficola Benedetto Santacroce

Nessun commento:

Posta un commento