PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

mercoledì 20 dicembre 2017

Semplificati obbligati ai correttivi Gli interventi necessari per evitare di dichiarare un reddito imponibile errato Implicazioni reddituali di un certo rilievo per chi ha scelto di restare nel regime di contabilità semplificata anche nel 2017, pur a seguito delle marcate modifiche apportate dalla legge di Bilancio 2017.

In moltissimi casi, infatti, il passaggio dal regime di competenza (su cui era impostato il vecchio testo dell’articolo 66 Tuir) a quello «misto cassa/competenza» disegnato dalla nuova disposizione (e dalla circolare n. 11/E/2017) determina la necessità di intervenire (extracontabilmente) sulle risultanze contabili per evitare di dichiarare un reddito imponibile di periodo errato, viziato da omissioni o duplicazioni.
 Approssimandosi la chiusura dell’esercizio, è questo il momento di iniziare a tirare le fila di queste modifiche, la cui fonte è il comma 19 dell’articolo 1 della legge 232/2016, secondo cui, «al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione» nel passaggio tra il regime semplificato “formato 2016” a quello “formato 2017”, «i ricavi, i compensi e le spese che hanno già concorso alla formazione del reddito, in base alle regole del regime di determinazione del reddito d’impresa adottato, non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi». Normalmente questi accorgimenti sono legati a un cambio di regime, mentre in questo caso è il regime (semplificato) che ha cambiato “linguaggio” ai fini della imponibilità/deducibilità di alcune (e non di tutte) le componenti reddituali, rendendo necessari vari accorgimenti. Passare dalla competenza alla cassa, infatti, può portare (se non si interviene extracontabilmente) a tassare due volte (oppure mai) un determinato componente positivo ovvero a dedurre due volte (oppure mai) un determinato componente negativo. Correttamente, la circolare n. 11/E/2016 (par. 4.1), oltre a ricordare le principali ipotesi in cui occorre intervenire (sintetizzate dalla tabella a fianco), riporta che gli stessi accorgimenti andranno attuati, a regime, ogni volta che l’impresa si trova a transitare dal regime di contabilità semplificata al regime di contabilità ordinaria e viceversa.
Si tratta di problemi che:
dal 2017 in poi non si porranno (quasi mai) nel passaggio dalla contabilità semplificata al regime forfettario e viceversa o nel passaggio tra regime “dei minimi” e contabilità semplificata;
non si sono mai posti, in questi anni, nel passaggio tra “minimi” e forfettari.
Siccome questi adattamenti non sono affatto banali (e incidono sulla determinazione del reddito imponibile Irpef oltre che, per chi è soggetto, della base imponibile Irap) non vanno sottovalutati. Si pensi, tanto per fare alcuni esempi concreti, con riferimento a un contribuente “semplificato 2016” che resta in tale regime anche nel 2017:
a un acconto incassato nel 2016 per una vendita da effettuare (ovvero una prestazione da svolgere) nel 2017: in tal caso, l’importo non ha determinato un provento nel 2016 (ragionando per competenza) e, se non correggessimo il principio di cassa, non concorrerebbe all’imponibile neppure nel 2017;
a un canone di locazione pagato a ottobre 2016 a valere per il semestre ottobre 2016-marzo 2017: in tale ipotesi, correttamente nel 2016 è stata rilevata per competenza la sola quota di costo relativa ai primi tre mesi, ma, se non intervenissimo a correggere il principio di cassa, la residua quota di costo non diverrebbe mai un onere deducibile dal reddito 2017;
a una provvigione maturata per competenza nel 2016 che verrà incassata solo nel 2018: in questo caso, la maturazione del provento ne ha determinato l’imponibilità a fine 2016, per cui né nel 2017 (periodo in cui non si registra alcun evento tanto economico quanto finanziario) né nel 2018 va duplicato il reddito, nonostante in quest’ultimo periodo vi sia l’incasso dell’importo pattuito.
Il meccanismo porta anche a qualche effetto del tutto peculiare. Si pensi a un premio assicurativo pagato anticipatamente il 1° settembre di ogni anno. Nel 2017 verranno spesati gli otto dodicesimi del premio versato nel 2016 grazie al “ripescaggio” del risconto 2016, ma anche l’intero premio versato a settembre 2017, secondo le regole “della cassa”. Vale a dire che, correttamente, quest’anno verranno spesate 20 mensilità di canone. 
Poiché, inoltre, il regime semplificato può anche essere applicato optando per sostituire alla data di effettivo incasso e pagamento la data di registrazione Iva dei relativi documenti (articolo 18, comma 5, del Dpr 633/1972), occorre tener conto che, in quest’ultima ipotesi, le correzioni extracontabili possono essere differenti, non essendo affatto scontato che la data del movimento finanziario e quella della registrazione Iva coincidano. 
Fonte: Il sole 24 ore autore Giorgio Gavelli

Nessun commento:

Posta un commento