PRESENTAZIONE BLOG


Il blog dello Studio Stara nasce con l'intento di condividere con i clienti dello Studio le notizie, ma anche gli approfondimenti fiscali di maggiore interesse, che possano essere utili per le imprese e i professionisti. I post evidenziano quotidianamente la rassegna stampa del settore, ma anche le circolari interne dello Studio e indirizzate periodicamente ai clienti.

Lo Studio STARA fornisce chiarimenti e/o informazioni sui contenuti di maggiore interesse pubblicati nel blog esclusivamente ai clienti dello Studio. Non fornisce, di conseguenza, nessun servizio consulenziale, sui contenuti del Blog, a terzi che non siano clienti dello Studio.

E' possibile postare quesiti, su argomenti trattati dal blog, che saranno trattati se lo Studio li riterrà di interesse generale.

Avvertenze Legali: questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale occasionalmente elaborati e/o prelevati da siti specialistici in materia fiscale. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i post riportano la fonte compreso il nome dell’autore. Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze. Nonostante i contenuti delle pagine del blog dello Studio STARA, siano soggetti a periodici aggiornamenti e verifiche, possono comunque verificarsi errori e/o omissioni. Tutti gli articolio di rassegna stampa pubblicati, comprese le circolari e gli approfondimenti dello Studio sono predisposti con il massimo scrupolo, ma l'utilizzatore è sempre tenuto a controllarne l'esattezza.

STUDIO STARA

Consulenza contabile e fiscale - Dott. Stefano Stara, Rag. Marcello Stara, Rag. Marco Stara, Rag. Laura Perniciano
Costituzione di società, contabilità e bilanci, ristrutturazioni aziendali, liquidazioni aziendali, operazioni straordinarie: fusioni, scissioni, conferimento e scorporo di aziende o rami di azienda, trasformazioni, acquisto o cessione d’azienda, servizi di domiciliazione di società italiane ed estere.

Consulenza di direzione e strategica - Talent S.r.l., Dott. Elio Masala, Dott. Stefano Stara, Dott. Roberta Desogus, Dott. Elisabetta Campus
Implementazione di sistemi di contabilità industriale e/o analitica, sviluppo di business plan, sviluppo ed implementazione di sistemi di controllo di gestione, sistemi di Budgeting e Reporting, assistenza in materia di finanziamenti agevolati, servizi di tutoraggio nella fase di start up aziendale, servizi di supporto alla formazione professionale continua.

Servizi contabili per le imprese e i professionisti - Elabordati - Servizi Contabili per le imprese
Servizi ed elaborazione dati contabili per imprese e professionisti, servizi telematici per avvio di attività produttive e commerciali, comunicazioni telematiche per l'inzio, la variazione e la cessazione delle attività aziendali presso Ufficio iva e Camera di commercio, implementazione di sistemi informativi aziendali.

venerdì 4 maggio 2018

Regime semplificato con i correttivi

Aggiornati i modelli degli studi di settore per le imprese in contabilità semplificata
Approvate le modifiche agli studi di settore per far spazio ai correttivi cassa. Con il provvedimento di ieri (90727/2018) l’agenzia delle Entrate concede il via libera alle correzioni dei modelli e delle istruzioni degli studi di settore che consentono l’applicazione dei correttivi cassa per i contribuenti esercenti attività d’impresa in contabilità semplificata. 
Le rimanenze 
Le istruzioni ai modelli, riguardanti il quadro F (dati contabili – reddito d’impresa), vengono modificate introducendo la specifica per cui, ai fini dell’applicazione degli studi di settore, i contribuenti che applicano il regime di contabilità semplificata devono indicare, i dati contabili sulla base delle regole fiscali stabilite dall’ articolo 66 del Tuir. In buona sostanza anche dopo l’introduzione del regime di cassa per i semplificati, nel modello studi di settore dovrà essere assicurata la corrispondenza fra quanto indicato in quadro G (dati contabili del modello dichiarazione dei redditi) e quanto affluisce al quadro F (dati contabili indicati negli studi di settore).
In questo senso le istruzioni specificano che, per tutti i soggetti esercenti attività d’impresa in contabilità semplificata (ivi compresi coloro i quali hanno optato per il regime disciplinato dall’articolo 18, comma 5 , del Dpr 600/1973) è necessario indicare oltre ai dati delle rimanenze inziali che già affluiscono nella determinazione del reddito imponibile, anche quelli delle rimanenze finali (righi F07, F10, F13), che da quest’anno non concorrono più alla formazione del reddito d’impresa.
Sarà poi il software Gerico che, riconoscendo l’impresa quale esercente contabilità semplificata provvederà a non sommare le rimanenze finali fra i componenti positivi che affluiscono al rigo F28 (reddito d’impresa o perdita), in modo da rispettare quella corrispondenza biunivoca che da sempre esiste fra il reddito imponibile indicato nel quadro G (redditi) e quello indicato nel quadro F (studi di settore).
I righi dei correttivi cassa 
Le modifiche approvate introducono, all’interno del reddito d’impresa, i righi da F41 a F44 destinati a ospitare i dati relativi ai contribuenti esercenti contabilità d’impresa in regime semplificato.
Nel rigo F41 il contribuente indica se, nel periodo di imposta 2017, ha optato per la tenuta dei registri Iva senza separata indicazione degli incassi e dei pagamenti, prevista dall’articolo 18, comma 5, del Dpr 600/ 1973 (tale informazione deve coincidere con quanto indicato nel rigo VO26 del modello Iva 2018). 
Si ricorda che, barrando questa casella non scattano i correttivi cassa, poiché il decreto di approvazione non ne prevede l’operatività per questa tipologia di contribuenti. 
Viceversa per gli esercenti contabilità d’impresa in semplificata che non hanno optato il regime del “registrato” non bisognerà compilare il rigo F41, ma solo (se presenti) i dati richiesti dai righi F42 (totale ricavi verso soggetti iva), rigo F43 (totale operazioni attive in reverse charge), rigo F44 (cessioni di beni e prestazioni di servizi in split payment). 
Le altre modifiche 
Gli altri interventi di modifica approvati riguardano il quadro Z e sono finalizzati all’acquisizione di dati utili per la costruzione e/o l’aggiornamento degli indici sintetici di affidabilità fiscale che entreranno in vigore l’anno prossimo. Si tratta dei righi da Z901 a Z904 dove viene richiesta l’indicazione di elementi specifici al fine di valutare gli effetti, in fase di elaborazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale, del passaggio da un regime di competenza al regime, improntato alla “cassa”, per le imprese in semplificata. 
La stessa modifica è stata prevista per i modelli e le istruzioni riguardanti i parametri, dove vengono inseriti quattro nuovi righi (da P53 a P56). Questo perché gli indicatori sintetici di affidabilità fiscale che entreranno in vigore l’anno prossimo interesseranno non soli i contribuenti soggetti agli studi di settore, ma anche quelli che fino al 31 dicembre 2017 continuano ad applicare i parametri. 
Fonte: Il sole 24 ore autore Lorenzo Pegorin  Gian Paolo Ranocchi

Nessun commento:

Posta un commento